Come si dimostra che una casa è l’abitazione principale?

L’esenzione da Imu e Tasi gira tutta intorno al concetto di abitazione principali: ovvero la casa in cui si abita in pianta stabile, la dimora in cui il richiedente dell’agevolazione ha fissato residenza e dimora.

Ma, come si dimostra?

Il Comune, all’atto della richiesta delle esenzione, fornisce al contribuente  un’apposito modulo da compilare. Stando a quanto dichiarato dalla Cassazione però, questo non è l’unico modo per dimostrare che la casa in cui si abita sia effettivamente la dimora principale, e la mancata consegna/compilazione della suddetta documentazione, non rappresenta un motivo di decadenza delle agevolazioni.

Secondo la Suprema Corte il contribuente, in caso di errore o di omissione della compilazione del modulo, deve essere messo in condizione dal  Comune, di presentare ad un giudice tutte le prove utili, alla sua difesa.

Con la dicitura  “prove utili” sono da intendere tutti quegli elementi  che  provano l’effettiva residenza del contribuente nella casa in oggetto: tra queste, le preferite dai giudici sono le utenze. Se superiori ad un certo importo infatti, queste sarebbero idonee a provare l’effettiva residenza stabile in una casa. Inoltre, queste  costituiscono una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, liberamente valutabile dalla Corte, al pari di qualsiasi altra scrittura privata.

Tags:

        

Lascia un commento

© 2013 Leonardo Immobiliare P.Iva 04927711210
Via Toledo 306, CAP 80132 Napoli, Telefono +39 081414180
Via A. Scarlatti 201, CAP 80129 Napoli, Telefono +39 0815789279
Via Posillipo 406, CAP 88122 Napoli, Telefono +39 0817690343
Web Agency