Cosa succede se si ritarda a pagare l’affitto della casa?

Il ritardo o il mancato pagamento del canone d’affitto da parte dell’inquilino è la paura più grande dei proprietari. Ma, cosa succede nel caso in cui questa si dovesse avverare? Scopriamolo

Ritardo nel pagamento dell’affitto e il rischio sfratto

Se il conduttore, ovvero l’inquilino, ritarda o manca al pagamento del canone di locazione, il locatore, ossia il proprietario, può procedere allo sfratto: a dirlo è la legge. Però, stando a quanto riportato all’interno dell’articolo 5 della legge n. 392/1978 – focalizzato principalmente sul caso di immobili ad uso abitativo – prima di ricorrere allo sfratto esecutivo il locatore deve attendere 20 giorni, in modo da dare all’inquilino la possibilità di adempiere ai suoi obblighi.

In realtà, oltre ai venti giorni, l’inquilino moroso ha a disposizione un lasso di tempo leggermente più lungo: nonostante la notifica di sfratto. Questo avviene nel momento in cui il conduttore non soltanto paga i canoni arretrati, ma anche gli interessi e tutte le spese legali sostenute dal proprietario della casa. Tutto questo deve avvenire entro la prima udienze dove, il conduttore, può ottenere addirittura un ulteriore termine di scadenza di novanta giorni.

Oltre alla morosità, esistono però diverse altre motivazioni, che mettono il locatore in condizione di sciogliere il contratto d’affitto, questi sono:

  1. mancato pagamento degli oneri condominiali da parte dell’inquilino;
  2. mancato rispetto del regolamento di condominio;
  3. uso illegittimo dell’appartamento, ovvero quando l’inquilino utilizza l’immobile per fini diversi da quelli presenti nel contratto;
  4. il subaffitto;
  5. il danneggiamento dell’immobile

Tags: ,

        

Lascia un commento

© 2013 Leonardo Immobiliare P.Iva 04927711210
Via Toledo 306, CAP 80132 Napoli, Telefono +39 081414180
Via A. Scarlatti 201, CAP 80129 Napoli, Telefono +39 0815789279
Via Posillipo 406, CAP 88122 Napoli, Telefono +39 0817690343
Web Agency